VERGOGNA

vergogna bimba morta immigrazione       vergogna bambino morto immigrazione

Vengono dal niente
sono meno di niente.
Vengono dalla persecuzione
vengono dall’Africa
vengono dal Medioriente
da quelle che furono
le culle dell’uomo:
sono stati i primi
ora sono gli ultimi.
Vengono come polli
stivati senza spazio
sottocoperta senz’aria
sulle carrette sbilenche
legni colmi di stracci
e di carne scura
da offrire alla mattanza.
Vengono dal buio
vengono dalla polvere,
attraversano il mare
come la speranza,
onda dopo onda,
verso un futuro diverso
verso un futuro migliore.
Vengono dalla disperazione,
vengono dalle guerre,
fuggono dalla morte:
non sanno che la morte
ha il sapore del sale
anche quando è in vista
la terra promessa
e stanno per sbarcare:
perché si può morire
anche vicino alla riva.
Vengono dalla fame,
vengono dalla miseria,
avanzano sofferenti e muti
gli eredi di Goré
gli schiavi del Duemila
con le pupille nere
che si perdono lontano
in cerca di orizzonti
di un approdo negato:
uomini, ragazzi
donne incinte e bambini.
Ma basta un nulla
un refolo di vento
una coperta bruciata
un equilibrio perduto
e il terrore sbandato
per finire nel gorgo
di un’acqua assassina:
sono unti di gasolio
scivolano come anguille
inghiottite dai flutti,
gli occhi negli occhi,
terrorizzati, impotenti.
Un ultimo sguardo allucinato
prima di inabissarsi,
teste salgono e scendono
in una tragica altalena
braccia annaspano,
urlano come gabbiani
con la voce strozzata
dall’acqua nella gola.
Famiglie intere
a testa in giù galleggianti.
Come meduse fluttuanti
corpi nudi ondeggianti
riversi verso il fondo,
creature innocenti
con le scarpette nuove,
madre e neonata unite
dal cordone ombelicale
la vita e la morte
in un unico abbraccio
nel liquido amniotico
di un abisso spettrale.
Pagano per morire
viaggiano per morire.
Cadaveri che pesano
sulla coscienza del mondo.
Li raccolgono nel pianto
li compongono sul molo
nella conta delle bare
in un filare di manichini
sul cemento dell’indifferenza.
E ancora, ancora
ieri come oggi
e certamente domani.
Noi non guardiamo
noi non sappiamo
noi ci voltiamo:
siamo la civiltà

Ruggero Marino firma

Author Bio
Ruggero Marino
Author: Ruggero MarinoWebsite: http://www.ruggeromarino-cristoforocolombo.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chi sono:
Ruggero Marino è giornalista e scrittore. Ha lavorato per 34 anni al quotidiano Il Tempo di Roma, ricoprendo le cariche di inviato speciale (visitando più di 50 paesi), di redattore capo e di responsabile del settore cultura. Ha scritto due libri di poesie, Minime e massime e L’inferno in paradiso (Premio Indic). Ha vinto oltre 10 premi giornalistici, fra i quali quello dell’Associazione Stampa Romana. Con il suo primo volume sull’Ammiraglio, Cristoforo Colombo e il papa tradito, ha vinto il Premio Scanno. Delle sue ricerche, che proseguono dal 1990, e che per la prima volta coinvolgono la Chiesa di Roma nella vicenda, si sono occupati storici, scrittori e media in Italia e all’estero (il Times gli ha dedicato due pagine). I suoi studi sono stati citati all’Accademia dei Lincei. Ha esposto le proprie tesi in numerosissime conferenze, anche in università italiane e straniere. È stato invitato a New York dall’Istituto italiano di cultura e fa parte della Commissione scientifica per le annuali celebrazioni del 12 ottobre in onore di Colombo. Per approfondimenti è possibile consultare Wikipedia al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Marino
Ultimi articoli pubblicati:

Web Analytics