LA VIOLENZA VIGLIACCA DEGLI UOMINI ITALIANI

blog violenza vigliacca scarpe rosse     blog violenza vigliacca scarpe rosse

 

Femminicidio è una parola aggraziata. Questa è una strage. Non passa giorno senza l’annuncio di una donna giovane o meno giovane uccisa. Nei modi più cruenti. C’è un Isis montante nella mente degli uomini italiani. Molti di loro vorrebbero solo schiave del sesso e non accettano di rinunciare alla “proprietà”, non tollerano l’abbandono. Compagne come oggetto, costrette a subire, a immolarsi, vittime anche della sindrome di Stoccolma, per cui rinunciano a denunciare il partner violento, fino all’ultimo mortale appuntamento. I vili guerrieri del fondamentalismo islamico pochi giorni fa hanno bruciato in una gabbia 19 giovani: si rifiutavano di diventare le loro schiave private. I maschi italiani non sono da meno. Anche Sara è stata bruciata.
Ma quello che più spaventa è che la vita di una donna in Italia vale meno di quella di un animale e molto meno di quella dei gay. Se difatti uccidi un cane rischi il linciaggio. Si fanno striscioni negli stadi, esce la Brambilla a denunciare e rivendicare. Se poi tocchi un transessuale subito si mobilita la grancassa. E le donne? Quasi silenzio, a parte le notizie di cronaca e le morbose speculazioni televisive. Come un fatto scontato. Come se niente fosse, in una scia di sangue, che non si arresta e tanto meno si contrasta. In una regressione tribale di uomini, che si tatuano come aborigeni e sfoggiano creste di gallo colorate impensabili.
Ci sono voluti decenni per cancellare il delitto d’onore, la situazione è peggiorata. Oggi si uccide e si tortura per molto meno. Quasi un tiro al piattello, con la donna eletta a vittima sacrificale predestinata, per un uomo che scarica nella violenza più gratuita la sua debolezza. Con l’alibi più vigliacco, che purtroppo sta allignando anche fra i giovani: se l’è cercata.

Author Bio
Ruggero Marino
Author: Ruggero MarinoWebsite: http://www.ruggeromarino-cristoforocolombo.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chi sono:
Ruggero Marino è giornalista e scrittore. Ha lavorato per 34 anni al quotidiano Il Tempo di Roma, ricoprendo le cariche di inviato speciale (visitando più di 50 paesi), di redattore capo e di responsabile del settore cultura. Ha scritto due libri di poesie, Minime e massime e L’inferno in paradiso (Premio Indic). Ha vinto oltre 10 premi giornalistici, fra i quali quello dell’Associazione Stampa Romana. Con il suo primo volume sull’Ammiraglio, Cristoforo Colombo e il papa tradito, ha vinto il Premio Scanno. Delle sue ricerche, che proseguono dal 1990, e che per la prima volta coinvolgono la Chiesa di Roma nella vicenda, si sono occupati storici, scrittori e media in Italia e all’estero (il Times gli ha dedicato due pagine). I suoi studi sono stati citati all’Accademia dei Lincei. Ha esposto le proprie tesi in numerosissime conferenze, anche in università italiane e straniere. È stato invitato a New York dall’Istituto italiano di cultura e fa parte della Commissione scientifica per le annuali celebrazioni del 12 ottobre in onore di Colombo. Per approfondimenti è possibile consultare Wikipedia al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Marino
Ultimi articoli pubblicati:

Web Analytics