IL PADRINO TRIONFANTE NELLA "GRANDE SCHIFEZZA" DI ROMA CAPITALE

Casamonica carrozza funerale           Casamonica Vittorio

Se non fosse stata una disgustosa, incredibile realtà sarebbe sembrata un ripresa cinematografica degna del set della “Roma” di Fellini. O una scena da farsa all’italiana con il padrino de noantri. Compresa la carrozza trainata da sei cavalli neri, la stessa usata per la morte di Totò. In una enfatizzazione pacchiana della morte del boss del clan, accompagnato dalla banda sulle note proprio del “Padrino” e di “My way”di Frank Sinatra, altro idolo in odore di mafia. In una sfilata senza fine di Rolls Royce, Porsche, Mercedes, la pulizia dell’Ama, scorte di carabinieri e di vigili urbani, il traffico bloccato. E dall’alto, da un elicottero senza permessi di sorvolo, una pioggia di petali di rose nemmeno Vittorio Casamonica “spaccaossa” fosse la Madonna. Un papa laico e criminale lo era, come nei cartelloni affissi sul sagrato della Chiesa di Don Bosco. Vestito di bianco come un cherubino, croce di diamanti sul petto, sotto di lui San Pietro e il Colosseo e la scritta “Il re di Roma, hai conquistato Roma, conquisterai il paradiso”. Un epitaffio che offende anche il cielo. Una funzione in pompa magna e volgare officiata da un prete-don-Abbondio, come venti anni fa per un altro Casamonica, come per Lucky Luciano. Un’ostentazione di impunità, di prepotenza, di arroganza a dispetto delle condanne. In barba a tutte le leggi, perché la legge siamo noi. Le autorità a ogni livello disinformate, ignare. Colluse? Nemmeno fossimo in un paese del Terzo Mondo. Ormai tutto stivale, con le processioni che fanno gli inchini, di fronte ai racket è unito, controllato, soggiogato. Lo sanno i capicosca, lo sanno molti degli stranieri che da tutte le latitudini arrivano per entrare nella terra dello Stato-nessuno. E se il Nord si vanta per l’Expo, mosca bianca in un paese dimezzato, nella capitale stuprata si continua ad assistere al reality-spettacolo della “grande schifezza”. Perché i mille Casamonica abbiano messo in piedi una fortuna da nababbi esibizionisti (90 milioni di euro, ma risultano nullatenenenti) le autorità lo sanno. Ma i discendenti continuano a sbraitare in Tv da agnelli sacrificali lanciando a destra e a manca maledizioni di morte, come è nella loro cultura di sinti-nomadi. Zingari venuti da un Abruzzo forte e gentile. Loro si sono votati solo alla forza e alla gentilezza per gli affiliati e i famigli, disposti solo e in ogni caso ad obbedire e a delinquere. Una grande famiglia, pare mille persone. La famiglia: croce e delizia del Dna italico. Tutti in Italia “teniamo famiglia”. Pronti in nome della famiglia a qualsiasi nefandezza. Per cui non meravigliamoci se l’Europa ci tiene alla porta. Per loro restiamo una famiglia inaffidabile: mafia, pizza e mandolino. D’altronde facciamo di tutto per continuare a meritarcelo.

Ruggero Marino firma

Author Bio
Ruggero Marino
Author: Ruggero MarinoWebsite: http://www.ruggeromarino-cristoforocolombo.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chi sono:
Ruggero Marino è giornalista e scrittore. Ha lavorato per 34 anni al quotidiano Il Tempo di Roma, ricoprendo le cariche di inviato speciale (visitando più di 50 paesi), di redattore capo e di responsabile del settore cultura. Ha scritto due libri di poesie, Minime e massime e L’inferno in paradiso (Premio Indic). Ha vinto oltre 10 premi giornalistici, fra i quali quello dell’Associazione Stampa Romana. Con il suo primo volume sull’Ammiraglio, Cristoforo Colombo e il papa tradito, ha vinto il Premio Scanno. Delle sue ricerche, che proseguono dal 1990, e che per la prima volta coinvolgono la Chiesa di Roma nella vicenda, si sono occupati storici, scrittori e media in Italia e all’estero (il Times gli ha dedicato due pagine). I suoi studi sono stati citati all’Accademia dei Lincei. Ha esposto le proprie tesi in numerosissime conferenze, anche in università italiane e straniere. È stato invitato a New York dall’Istituto italiano di cultura e fa parte della Commissione scientifica per le annuali celebrazioni del 12 ottobre in onore di Colombo. Per approfondimenti è possibile consultare Wikipedia al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Marino
Ultimi articoli pubblicati:

Web Analytics