LA RAGGI INTIMAVA DI FALSIFICARE I BILANCI

blog Raggi immondizia aprile 2019

 

“Secondo quanto emerge da alcune intercettazioni, la Raggi chiederebbe a Bagnacani di "modificare il bilancio". Il manager, però, rifiuta: "Virginia, non possiamo fare quello che non è possibile fare". In una successiva conversazione, il sindaco rincara la dose: "I romani oggi si affacciano e vedono la mer***. In alcune zone purtroppo è così. Quando ai romani gli dico sì la città è sporca però vi aumento la Tari, ma io scateno, cioè mettono la città a ferro e fuoco altro che gilet gialli". Ma la Raggi non molla, tanto che in un'altra telefonata rincara ulteriormente: "Cambia il bilancio anche se ti dicono che la luna è piatta".

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dunque Virginiella, notoriamente incapace, è capacissima invece di barare oltre che pinocchiescamente bugiarda. Ma non “ottusa” come vorrebbe Calenda. Sotto quell’ aria smagrita e la lingua biforcuta, sempre pronta a replicare, si nasconde una faina. Che cercava di imporre i suoi diktat, da “lei non sa chi sono io”, al responsabile dell’ Ama, l’ azienda romana che rifiuta i rifiuti lasciandoli per le strade, successivamente cacciato. Pubblicamente la sindaca intervistata si lanciava in sproloqui conditi di “ci hanno lasciato un mare di debiti e non solo, stiamo facendo, abbiamo studiato, stanno per arrivare …” il tutto riferito ad un futuro virtuale. Salvo poi ammettere nel privato che i romani affacciano sulla merda e che sì la città è sporca. Probabilmente sono quasi tre anni che se ne è accorta, ma non ha mai fatto nulla, come per il resto dei problemi che asfissiano Roma e i suoi cittadini. Continuando a sorridere di fronte alla valanga di critiche che le vengono da tutte le parti. Gioconda di poter vestire ogni tanto un capo di alta firma per una prima.
L’ unica cosa che le riesce abbastanza bene. E Roma? Da quando c’è lei sembra una capitale in agonia e ad ogni problema che puntuale si ripresenta accampa scuse di una pochezza da far rabbrividire. Non è che la “caput mundi” abbia avuto anche nel passato recente sindaci da ricordare. Ma non era mai caduta così in basso. Sepolta da una valanga d’ immondizia che non è solo pattume. Sperando che finalmente se son Raggi sfioriranno.

 

Author Bio
Ruggero Marino
Author: Ruggero MarinoWebsite: http://www.ruggeromarino-cristoforocolombo.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chi sono:
Ruggero Marino è giornalista e scrittore. Ha lavorato per 34 anni al quotidiano Il Tempo di Roma, ricoprendo le cariche di inviato speciale (visitando più di 50 paesi), di redattore capo e di responsabile del settore cultura. Ha scritto due libri di poesie, Minime e massime e L’inferno in paradiso (Premio Indic). Ha vinto oltre 10 premi giornalistici, fra i quali quello dell’Associazione Stampa Romana. Con il suo primo volume sull’Ammiraglio, Cristoforo Colombo e il papa tradito, ha vinto il Premio Scanno. Delle sue ricerche, che proseguono dal 1990, e che per la prima volta coinvolgono la Chiesa di Roma nella vicenda, si sono occupati storici, scrittori e media in Italia e all’estero (il Times gli ha dedicato due pagine). I suoi studi sono stati citati all’Accademia dei Lincei. Ha esposto le proprie tesi in numerosissime conferenze, anche in università italiane e straniere. È stato invitato a New York dall’Istituto italiano di cultura e fa parte della Commissione scientifica per le annuali celebrazioni del 12 ottobre in onore di Colombo. Per approfondimenti è possibile consultare Wikipedia al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Marino
Ultimi articoli pubblicati:

Web Analytics