UN TUNNEL LORDATO DI CARNE UMANA FRA LE COLPE DI ORIENTE E OCCIDENTE

silvia solesin      silvia solesin camera ardente      silvia solesin parigi

Sinceramente non riesco a capire. Non si può pronunciare la parola guerra, non si deve parlare di scontro di civiltà. Non si deve confondere l’Islam moderato con l’Islam dell’orrore. I musulmani affermano di essere loro le vere vittime dei mutanti, che vorrebbero rappresentarli e che vorrebbero redimerci. Ma come ha detto qualcuno se non tutti i musulmani sono terroristi (anche se per noi dargli questa etichetta significa premiarli) è vero anche che tutti i terroristi sono musulmani. E loro non fanno che pronunciare invettive di guerra e di morte oltre a parlare di scontro civiltà con un linguaggio che ci porta indietro di oltre mezzo millennio. Senza contare le loro azioni, i loro eccidi, le loro stragi, vere e proprie dichiarazioni di guerra. Di una guerra che ci sorprende, che non capiamo, che ci coglie impreparati e incapaci di rispondere coralmente per schiacciarli una volta per tutte. Gli allarmi venivano da lontano eppure, pur dotati di mezzi superiori e di un apparato di intelligence plurinazionale (un’intelligence da vignette satiriche, visto che la segnalazione più attendibile è venuta dal Marocco) è bastato un fanatico ventisettenne a mettere sotto scacco l’intera Europa, che gronda ancora di paura. Un alieno che andava e veniva dalla Siria, più volte attenzionato. Che si permetteva di prendere in giro gli addetti alla sicurezza. Fino al punto da fare indisturbato quello che ha fatto.

Veniamo ora al cosiddetto Islam moderato. Per la prima volta ai funerali della giovane Valeria Solesin e in altre manifestazioni si sono sentite dai musulmani parole di condanna per l’orrore. Il tempo, d’accordo, non era dei migliori, ma non si può fare a meno di constatare, che si trattava di quattro gatti. Con cartelli che dicevano anche “Meno morti più moschee”. Fra l’altro i paesi avanzati come la Turchia, l’Arabia saudita e il Qatar finanziano l’Isis, mentre Putin fa addirittura menzione di 40 paesi che intrattengono affari con il Califfato, preoccupati più del petrolio a basso prezzo che dei morti. Come questo Islam possa aiutare l’Occidente e come l’Europa possa a questo punto difendersi è un interrogativo che pare risolversi più nel sogno dell’utopia che nella realtà. I musulmani sarebbero le prime vittime? Fino ad adesso al di là di timide parole, qualche bombetta è arrivata solo dalla Giordania. Praticamente niente. Perché c’è un dato di fatto di fondo. Noi cerchiamo di dialogare con loro. Ma a loro non interessa affatto dialogare con noi. Noi non gli piacciamo, detestano il nostro modo di vivere, a parte il comfort della tecnologia. Basta sentire molti degli intervistati, ai quali il sangue versato non dispiace affatto. Tanto meno lo condannano. Come trovare la strada, in questo concorso di colpe e di ignavia, per uscire da questo tunnel lordato di carne umana è uno straziante un rebus.

Author Bio
Ruggero Marino
Author: Ruggero MarinoWebsite: http://www.ruggeromarino-cristoforocolombo.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chi sono:
Ruggero Marino è giornalista e scrittore. Ha lavorato per 34 anni al quotidiano Il Tempo di Roma, ricoprendo le cariche di inviato speciale (visitando più di 50 paesi), di redattore capo e di responsabile del settore cultura. Ha scritto due libri di poesie, Minime e massime e L’inferno in paradiso (Premio Indic). Ha vinto oltre 10 premi giornalistici, fra i quali quello dell’Associazione Stampa Romana. Con il suo primo volume sull’Ammiraglio, Cristoforo Colombo e il papa tradito, ha vinto il Premio Scanno. Delle sue ricerche, che proseguono dal 1990, e che per la prima volta coinvolgono la Chiesa di Roma nella vicenda, si sono occupati storici, scrittori e media in Italia e all’estero (il Times gli ha dedicato due pagine). I suoi studi sono stati citati all’Accademia dei Lincei. Ha esposto le proprie tesi in numerosissime conferenze, anche in università italiane e straniere. È stato invitato a New York dall’Istituto italiano di cultura e fa parte della Commissione scientifica per le annuali celebrazioni del 12 ottobre in onore di Colombo. Per approfondimenti è possibile consultare Wikipedia al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Marino
Ultimi articoli pubblicati:

Web Analytics