PERCHÈ ASIA NON PUÒ ESSERE SANTA MARIA GORETTI

Asia Argento Aria Maria Vittoria Rossa dito fanculo       Asia Argento Aria Maria Vittoria Rossa body naked

 

Non riesco a immaginare Asia Argento nei panni di Santa Maria Goretti, offesa e posseduta dall’orco. Quando è stata “vittima” di violenza era maggiorenne. Figlia di un noto regista e di un’attrice a quell’età doveva essere scafatissima e conoscere tutto del mondo del cinema, rischi Wenstein e “regola del divano” compresi. Lo ha confermato quella lucido-svampita di Marina Ripa di Meana. Fra l’altro Asia ha dato sempre mostra di non essere affatto acquiescente e di avere un certo caratterino. Aggiungici che è stata la moglie di Morgan, che certo non aspira alla beatitudine. Mi pare pertanto che Aria Maria Vittoria Rossa (all’anagrafe) avesse tutti i requisiti per potere sfuggire alle grinfie del megaproduttore galattico. Benché alto due metri. Non era forse una smutandata, ma non era Heidi. Inoltre la loro storia pare sia durata parecchio. Ora dopo oltre 20 anni, mentre tutti scagliano le loro frecce, contro il maial-cinghialone finalmente azzoppato, anche Asia si unisce al coro tardivo ed entra nella mischia a suon di fendenti. Ha fatto bene, ha fatto male? Una cosa è certa: ci ha pensato parecchio, decisamente troppo. Ora per di più fa l’offesa di fronte all’atteggiamento di alcune donne italiane, che non la difendono e tanto meno si sentono rappresentate da lei. Nemmeno quelle che la violenza l’hanno subita davvero. Al punto che minaccia (?) di andare all’estero. E in tutto questo bailamme chi le viene in soccorso? Nientemeno che la Presidente(essa) della camera Laura Boldrini, che dei problemi seri del paese non si sogna minimamente di occuparsi al di là della questione migranti a modo suo. Per il resto preferisce il cazzeggio e Novella 2000. Ora Asia mostra il ditino ai fotografi, che non sono proprio dei gentleman. Rischiando ancora una volta. Perché ne immaginiamo le risposte. Forse Asia se le va a cercare.

 

Author Bio
Ruggero Marino
Author: Ruggero MarinoWebsite: http://www.ruggeromarino-cristoforocolombo.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chi sono:
Ruggero Marino è giornalista e scrittore. Ha lavorato per 34 anni al quotidiano Il Tempo di Roma, ricoprendo le cariche di inviato speciale (visitando più di 50 paesi), di redattore capo e di responsabile del settore cultura. Ha scritto due libri di poesie, Minime e massime e L’inferno in paradiso (Premio Indic). Ha vinto oltre 10 premi giornalistici, fra i quali quello dell’Associazione Stampa Romana. Con il suo primo volume sull’Ammiraglio, Cristoforo Colombo e il papa tradito, ha vinto il Premio Scanno. Delle sue ricerche, che proseguono dal 1990, e che per la prima volta coinvolgono la Chiesa di Roma nella vicenda, si sono occupati storici, scrittori e media in Italia e all’estero (il Times gli ha dedicato due pagine). I suoi studi sono stati citati all’Accademia dei Lincei. Ha esposto le proprie tesi in numerosissime conferenze, anche in università italiane e straniere. È stato invitato a New York dall’Istituto italiano di cultura e fa parte della Commissione scientifica per le annuali celebrazioni del 12 ottobre in onore di Colombo. Per approfondimenti è possibile consultare Wikipedia al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Marino
Ultimi articoli pubblicati:

Web Analytics