IL DECALOGO DEL MOVIMENTO CONTINUO: A 5 STELLE

blog vignetta vauro grillo

 

  1. Il movimento 5 stelle rappresenta il nuovo. E’ dal tempo di mani pulite che il nuovo in Italia si rivela puntualmente una delusione e un inganno.
  2. Il movimento commina l’ostracismo per tutti coloro, così dicono, che si allontanano dal programma. In compenso pretendono che gli altri lo facciano come nel caso di Salvini invitato a fare il traditore nei confronti del cavaliere.
  3. Il movimento ha accettato di buon grado la spartizione delle poltrone concordata con gli avversari. Casellati compresa quanto mai vicina Berlusconi. Ora sparigliano le carte.
  4. Il movimento è andato alle elezioni conoscendo perfettamente la legge elettorale e le previsioni annunciate dai sondaggi. Prima del voto non ha eccepito la non legittimità della coalizione di centrodestra per la presenza di Berlusconi.
  5. Il movimento ha avuto come partito ilo maggior numero di voti, ma non ha vinto. Però si muove come se avesse stravinto. Imponendo veti e diktat.
  6. Il movimento originario affermava che non avrebbero mai fatto alleanze con nessuno. Ora che sono a un passo dalla stanza dei bottoni sono disposti ad alleanze di ogni tipo, anche antiteche fra loro.
  7. Il movimento che si reputa il nuovo rispolvera il più becero, antiquato e usurato antiberlusconismo sul quale già la sinistra ha campato per decenni. Possibile che non hanno di meglio da proporre.
  8. Il movimento voleva garantire il reddito di cittadinanza come in altri paesi. Purtroppo l’ Italia è diversa dagli altri paesi. Debbono essersene accorti anche loro visto che del reddito di cittadinanza non se ne parla più.
  9. Il movimento in campagna elettorale era antieuropeista. Le posizioni alla ricerca del potere si sono fortemente annacquate.
  10. Il movimento si presentava come un blocco ideologico granitico. Alla resa dei conti si stanno rivelando degli insuperabili camaleonti. In continuo movimento.

 

Author Bio
Ruggero Marino
Author: Ruggero MarinoWebsite: http://www.ruggeromarino-cristoforocolombo.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chi sono:
Ruggero Marino è giornalista e scrittore. Ha lavorato per 34 anni al quotidiano Il Tempo di Roma, ricoprendo le cariche di inviato speciale (visitando più di 50 paesi), di redattore capo e di responsabile del settore cultura. Ha scritto due libri di poesie, Minime e massime e L’inferno in paradiso (Premio Indic). Ha vinto oltre 10 premi giornalistici, fra i quali quello dell’Associazione Stampa Romana. Con il suo primo volume sull’Ammiraglio, Cristoforo Colombo e il papa tradito, ha vinto il Premio Scanno. Delle sue ricerche, che proseguono dal 1990, e che per la prima volta coinvolgono la Chiesa di Roma nella vicenda, si sono occupati storici, scrittori e media in Italia e all’estero (il Times gli ha dedicato due pagine). I suoi studi sono stati citati all’Accademia dei Lincei. Ha esposto le proprie tesi in numerosissime conferenze, anche in università italiane e straniere. È stato invitato a New York dall’Istituto italiano di cultura e fa parte della Commissione scientifica per le annuali celebrazioni del 12 ottobre in onore di Colombo. Per approfondimenti è possibile consultare Wikipedia al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Marino
Ultimi articoli pubblicati:

Web Analytics