MA LA FAMIGLIA È UN RESIDUATO DEL MEDIOEVO?

blog family day                       blog utero della Madonna

 

Giorgia Meloni è l’ unica leader donna. E’ la leader di Fratelli d’ Italia, che non è il mio partito. Etichettata come fascista, secondo l’ abusato e disgustoso costume italiota per cui tutto ciò che non è gradito alla sinistra (che usurpa la parola “democratica”) è automaticamente fascista. Consunto passepartout parolaio di chi non ha argomenti da contrapporre, ma si limita, purtroppo riuscendoci quasi sempre, a demonizzare l’ avversario, che poi tale non è, perché è considerato soprattutto un nemico. Come tale da censurare , da far tacere e se possibile da annientare. Come si è tentato di fare con il Family day, evocando addirittura climi medioevali da caccia alle streghe e concetti da oscurantismo. Solo per il fatto di battersi per la famiglia naturale, ovvero quell’ “inconcepibile” (per molti, per troppi) nucleo composto da padre, madre, figlio/a. E’ dell’ altro ieri il cartello di quella ciribiricoccola-riccio-capriccio benestante che, con un sorriso beota, mostrava il cartello “Dio, patria, famiglia, che vita de merda”. E’ di tutti gli anni la pagliacciata della giornata dell’ “orgoglio gay”, alla quale molti personaggi pubblici partecipano compiaciuti, mentre al Congresso di Rimini il governo ha ritenuto di rifiutare l’ adesione, per non contaminarsi con una manifestazione che difende l’ embrione (anche quello nella pancia) della società naturale; che condanna l’utero in affitto, eclatante e lampante forma di schiavitù, considerata invece un traguardo d’ avanguardia.
Come il matrimonio e la paternità fra gay. In quella sorta di grottesca imitazione di un sacramento e di surrogato-simil-familiare. Che gli omosessuali si sposino pure, ma si inventino una cerimonia tutta loro, senza scopiazzature da carnevale; che se proprio non possono fare a meno di “consumare” e di “sbandierare” una egoistica paternità, raggiunta a suon di capitale, la cerchino fra i tanti bambini in attesa di adozione senza ricorrere a pratiche, queste sì da medioevo, come quando il padrone faceva tutti i figli che voleva con le serve e rivendicava lo “ius primae noctis”. Di questo e d’altro ha parlato la fascista Meloni. Ha parlato in un consesso giudicato in definitiva fascista. In un momento dunque della “convention” da fascismo al cubo. Per scoprire che anche io, liberale da sempre, sono fascista, visto che condivido quasi tutte le parole espresse con foga dalla Meloni. Che anche io, che mi sono sempre considerato un figlio del mio tempo, sono rimasto ancorato al Medioevo. Me ne farò una ragione. Ma si guardino bene dal farmene pentire. Perché ne sono fiero.

 

Author Bio
Ruggero Marino
Author: Ruggero MarinoWebsite: http://www.ruggeromarino-cristoforocolombo.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chi sono:
Ruggero Marino è giornalista e scrittore. Ha lavorato per 34 anni al quotidiano Il Tempo di Roma, ricoprendo le cariche di inviato speciale (visitando più di 50 paesi), di redattore capo e di responsabile del settore cultura. Ha scritto due libri di poesie, Minime e massime e L’inferno in paradiso (Premio Indic). Ha vinto oltre 10 premi giornalistici, fra i quali quello dell’Associazione Stampa Romana. Con il suo primo volume sull’Ammiraglio, Cristoforo Colombo e il papa tradito, ha vinto il Premio Scanno. Delle sue ricerche, che proseguono dal 1990, e che per la prima volta coinvolgono la Chiesa di Roma nella vicenda, si sono occupati storici, scrittori e media in Italia e all’estero (il Times gli ha dedicato due pagine). I suoi studi sono stati citati all’Accademia dei Lincei. Ha esposto le proprie tesi in numerosissime conferenze, anche in università italiane e straniere. È stato invitato a New York dall’Istituto italiano di cultura e fa parte della Commissione scientifica per le annuali celebrazioni del 12 ottobre in onore di Colombo. Per approfondimenti è possibile consultare Wikipedia al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Marino
Ultimi articoli pubblicati:

Web Analytics