CRISTOFORO COLOMBO

È PROPRIO COLOMBO NEL RITRATTO DEL PARMIGIANINO

Parmigianino Galeazzo Sanvitale       Parmigianino ritratto       Amerigo Vespucci Mazzola Girolamo Francesco Parmigianino       Amerigo Vespucci Castaldi

 

Quattro opere del Parmigianino, pittore in odore di alchimia. Immagini che non cercano la somiglianza, ma nascondono significati reconditi. Il primo fa parte dell’ “Iconografia colombiana”, edita dalla Treccani e pubblicata, in occasione dei 500 anni della scoperta dell’ America, nella Grande Raccolta Colombiana. Raffigurerebbe pertanto Cristoforo Colombo, o almeno così si è sostenuto per molto tempo. Il secondo raffigura Lorenzo Cybo duca di Ferentillo, discendente di papa Innocenzo VIII Cybo, il terzo Amerigo Vespucci (per la verità è quasi identico al quarto, considerato semplicemente “Ritratto di gentiluomo”). Studi recenti però individuerebbero nel primo personaggio forse Galeazzo Sanvitale. I primi due oltre ad essere dei gentiluomini di alto lignaggio si caratterizzano per la spada. Quindi dovrebbero essere dei cavalieri. E Colombo era inequivocabilmente un cavaliere, (in questo dipinto c’ è anche un’ armatura sullo sfondo a rafforzare l’ identificazione) oltre ad avere conoscenze anche alchemiche come il Parmigianino. Il dipinto apparteneva a Ranuccio Farnese, a sua volta cavaliere di Malta. Per di più i Farnese erano i signori del castello di Caprarola, dove venivano effigiati, nella stupenda stanza del mappamondo (vedi articoli precedenti), anche Colombo e Vespucci. Mentre non si comprende perché il Farnese avrebbe commissionato un ritratto del Sanvitale. Ma quello che appare più convincente ai fini di una rappresentazione di Colombo è la medaglia che il personaggio mostra. Con il numero 72.  Il 72, secondo la Cabala, che in quegli anni era assai diffusa anche nella sua versione cristianizzata alla quale lavorò Pico della Mirandola e che Colombo conosceva, rappresenta la totalità delle lettere che compongono il nome di Dio. Il numero viene ricavato da alcuni versetti del capitolo 14 dell’Esodo – 19, 20 e 21 -, ciascuno costituito, nel testo originale ebraico, da 72 lettere. In particolare, il nome fa riferimento al passo in cui Mosè divide le acque. E’ questo il nome del Creatore, che mormorava il gran sacerdote tra le urla della folla, e che venne sostituito più tardi dal Tetragramma sacro, YHWH. L’antico cabalista Rav Shimon Bar Yochai ha scritto nello Zohar che fu Mosè, e non Dio, a dividere le acque del Mar Rosso. La formula è nota come i 72 nomi di Dio ed era conosciuta solo da una cerchia ristretta di cabalisti. Colombo come Mosè aprì le acque dell’oceano e quando in sogno, durante una spedizioni, udì la voce di Dio che gli parlava, come accadde al profeta, si sentì paragonato proprio a Mosè. Da ultimo la somiglianza fra le prime due immagini è evidente, in linea con quanto sosteniamo da circa 30 anni, ovvero l’ appartenenza di Colombo alla “casa”di papa Cybo, in una linea di sangue diretta con il pontefice..

 

Author Bio
Ruggero Marino
Author: Ruggero MarinoWebsite: http://www.ruggeromarino-cristoforocolombo.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chi sono:
Ruggero Marino è giornalista e scrittore. Ha lavorato per 34 anni al quotidiano Il Tempo di Roma, ricoprendo le cariche di inviato speciale (visitando più di 50 paesi), di redattore capo e di responsabile del settore cultura. Ha scritto due libri di poesie, Minime e massime e L’inferno in paradiso (Premio Indic). Ha vinto oltre 10 premi giornalistici, fra i quali quello dell’Associazione Stampa Romana. Con il suo primo volume sull’Ammiraglio, Cristoforo Colombo e il papa tradito, ha vinto il Premio Scanno. Delle sue ricerche, che proseguono dal 1990, e che per la prima volta coinvolgono la Chiesa di Roma nella vicenda, si sono occupati storici, scrittori e media in Italia e all’estero (il Times gli ha dedicato due pagine). I suoi studi sono stati citati all’Accademia dei Lincei. Ha esposto le proprie tesi in numerosissime conferenze, anche in università italiane e straniere. È stato invitato a New York dall’Istituto italiano di cultura e fa parte della Commissione scientifica per le annuali celebrazioni del 12 ottobre in onore di Colombo. Per approfondimenti è possibile consultare Wikipedia al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Marino
Ultimi articoli pubblicati:

Web Analytics