CRISTOFORO COLOMBO

UN'ECLISSI SALVÒ CRISTOFORO COLOMBO

Cristoforo Colombo Eclissi       eclissi di sole       Cristoforo Colombo predice Eclissi luna

 

Nella notte tra il 27 e il 28 luglio, il cielo attorno alla luna si è tinto di rosso per 103 minuti e si è verificata l’eclissi del satellite più lunga del secolo. Nel corso della storia sono state diverse le eclissi lunari totali spesso accompagnate da racconti e aneddoti singolari. Uno di questi è sicuramente quello legato alla figura di Cristoforo Colombo e all’eclissi del 1504. Era il 25 giugno del 1503 e l’esploratore, nel corso della sua quarta e ultima perlustrazione della costa dell’America centrale, si trovò costretto ad attraccare due delle sue caravelle nel nord della Jamaica.
Lo stesso esploratore racconta come durante la permanenza in quella terra sconosciuta riuscì ad avere ragione della ribellione degli indigeni e a trasformare un momento di difficoltà in un’ opportunità per lui e per la sua ciurma. Come? Sfruttando il fenomeno dell’eclissi e le sue conoscenze scientifiche con una comunità che ignorava l’origine del fenomeno.
Un’eclissi lunare totale si verificò nella notte del 29 febbraio 1504. Colombo chiese un incontro con il capo Arawak, la tribù che abitava l’isola, dichiarandosi messaggero del Dio dei cristiani. L’ammiraglio comunicò che il suo dio era infuriato col popolo indigeno perché questo non aveva più intenzione di rifornire di cibo e bevande l’equipaggio di Colombo.
Per dimostrare il proprio scontento, il dio dei cristiani avrebbe fatto in modo che la luna sparisse. Prima, però, si sarebbe tinta di rosso sangue. Era l’eclissi lunare: fenomeno inconsueto e misterioso per gli abitanti dell’isola. Ma come faceva Cristoforo Colombo a conoscere i tempi esatti del fenomeno celeste del 29 febbraio? L’esploratore aveva consultato l’almanacco di Regiomontantus. Opera, allora, ritenuta di grande valore scientifico per i marinai .
Regiomontantus era lo pseudonimo di Johannes Müller von Königsberg, noto matematico e astronomo tedesco. Prima della sua morte, aveva pubblicato il famoso almanacco che conteneva informazioni dettagliate sul Sole, la Luna e i pianeti, così come sulle stelle e le costellazioni. In piena eclissi, poco prima della fine della fase totale, Colombo si rivolse agli Arawak informandoli che il dio cristiano li avrebbe perdonati e che la luna avrebbe presto ripreso le sembianze di sempre. Le indicazioni che l’esploratore diede al popolo indigeno furono calcolate dallo stesso Colombo proprio grazie all’almanacco di Johannes Müller von Königsberg.
Quello che Colombo annunciò accadde: poco a poco il rosso che infuocava la luna scomparve e il satellite tornò a essere quello di sempre. Con grande sollievo degli Arawak. E con grande sollievo anche dell’esploratore e della sua ciurma, che da quel momento continuarono ad essere approvvigionati dagli indigeni per tutta la durata della loro permanenza sull’isola.

 

Author Bio
Ruggero Marino
Author: Ruggero MarinoWebsite: http://www.ruggeromarino-cristoforocolombo.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chi sono:
Ruggero Marino è giornalista e scrittore. Ha lavorato per 34 anni al quotidiano Il Tempo di Roma, ricoprendo le cariche di inviato speciale (visitando più di 50 paesi), di redattore capo e di responsabile del settore cultura. Ha scritto due libri di poesie, Minime e massime e L’inferno in paradiso (Premio Indic). Ha vinto oltre 10 premi giornalistici, fra i quali quello dell’Associazione Stampa Romana. Con il suo primo volume sull’Ammiraglio, Cristoforo Colombo e il papa tradito, ha vinto il Premio Scanno. Delle sue ricerche, che proseguono dal 1990, e che per la prima volta coinvolgono la Chiesa di Roma nella vicenda, si sono occupati storici, scrittori e media in Italia e all’estero (il Times gli ha dedicato due pagine). I suoi studi sono stati citati all’Accademia dei Lincei. Ha esposto le proprie tesi in numerosissime conferenze, anche in università italiane e straniere. È stato invitato a New York dall’Istituto italiano di cultura e fa parte della Commissione scientifica per le annuali celebrazioni del 12 ottobre in onore di Colombo. Per approfondimenti è possibile consultare Wikipedia al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Marino
Ultimi articoli pubblicati:

Web Analytics