CRISTOFORO COLOMBO

TESTIMONIANZE DEL COLOMBO GENOVESE: DI DOVE ESATTAMENTE?

Cristoforo Colombo collage portraits           Giornale di bordo di Cristoforo Colombo 1492 1493 Bompiani

 

Altre testimonianze di autori contemporanei o successivi includono:

  • Un riferimento, datato 1492 da uno scriba di corte Galindez, si riferiva a Colombo come " Cristóbal Colón, genovés. "
  • Lo storico Pietro Martire d'Anghiera , fu il più antico cronista di Colombo e fu a Barcellona quando Colombo tornò dal suo primo viaggio. Nella sua lettera del 14 maggio 1493, indirizzata a Giovanni Borromeo, si riferiva a  Colombo come ligure, [  Liguria era la regione in cui si trova Genova.
  • Giambattista Strozzi, un mercante fiorentino, riferì in una lettera inviata da Cadice il 19 marzo 1494: "Il 7 di questo mese arrivarono qui in sicurezza dodici caravelle provenienti dalle nuove isole trovate da Colombo Savonese , Ammiraglio dell'Oceano, per il re di Castiglia, essendo giunto in venticinque giorni dalle dette isole delle Antille ".
  • Cesáreo Fernández Duro nel suo libro Colón y la Historia postuma , cita il cronista Alonso Estanquez, che ha composto una Crónica de los Reyes, don Fernando y doña Isabel , prima del 1506, dove scrive: " Cristobal Colón, genovés. "
  • Nel 1507 Martin Waldseemüller pubblicò una mappa del mondo,  Universalis Cosmographia  , che fu la prima a mostrare l'America del Nord e del Sud come separata dall'Asia e circondata dall'acqua. Sotto l'isola di Hispaniola, vicino alla costa di Paria ( America Centrale ) ha inserito le parole: "Iste insule per Columbum genuensem almirantem ex ma [n] dato regis Castelle inventare [a] e sunt", "queste isole sono state scoperte dall'ammiraglio genovese Colombo per ordine del re di Castiglia ".
  • Testimoni delle udienze del 1511 e del 1532 nei Pleitos concordarono che Colombo era originario dei Liguri . Un altro testimone alla stessa udienza lo pose più precisamente, testimoniando: "Ho sentito dire che [egli] proveniva dalla signoria di Genova, dalla città di Savona".
  • Padre Antonio de Aspa, un gerolimita del convento di  Mejorada  , tra il 1512 e il 1524, scrisse un rapporto sul primo viaggio di Colombo, tratto in gran parte dai decenni di Pietro Martire d'Anghiera, in cui sosteneva che Colombo era genovese.
  • Il portoghese  Jorge Reinel  , nella sua mappa del 1519, scrive le seguenti parole: "Xpoforum cõlombum genuensem".
  • Il tedesco Simon Grynaeus , scrive:  "Christophorus natione Italicus, patria Genuensis, gente Columba."
  • D. Diego, nipote dell'ammiraglio, era un cavaliere dell'Ordine di Santiago , nella sezione genealogica del 1535, dice: "Nonni paterni / Cristoforo Colombo, nativo di Saona vicino a Genova, / e Filipa Moniz, nativo di Libon." Nello stesso anno, Pedro de Arana, cugino dell'amante spagnola di Colombo, testimoniò che sapeva che Colombo era di Genova.
  • Lo spagnolo  Alonzo de Santa Cruz  , c. 1550, disse che Colombo era di Nervi .
  • Lo spagnolo Pedro Cieza de León scrive che Colombo era originario di Savona .
  • Nel suo Commentarius de Ophyra regione apud Divinam Scripturam Commemorata del 1561, il geografo portoghese Gaspar Barreiros, riferì che Colombo era "ligure".
  • Lo spagnolo  Jerónimo Zurita y Castro  , scrive: "Cristoforo Colombo, uomo, come disse, la cui compagnia era sempre stata per il mare e per i suoi predecessori, così che era nato straniero e cresciuto nella povertà e nelle rive di Genova".
  • Il portoghese António Galvão , scrive:  "Nel 1492, al tempo di don Ferdinando re di Castiglia, essendo all'assedio di Granada, inviò un Cristoforo Colombo a una Genoway con tre navi per andare a scovare Noua Spagna. "
  • Lo spagnolo Gonzalo de Illescas , scrive:  "Cristoforo Colombo genovese, nacque a Nervi, un paese vicino a Genova".
  • Lo spagnolo Esteban de Garibay, umanista e storico, scrive: "Un uomo della nazione italiana, di nome Cristoforo Colombo, originario di Cugurco (  Cogoleto  ), o Nervi, villaggio di Genova."
  • Il portoghese João Matalio Metelo Sequano nel 1580, scrive che Colombo nacque nella città di Genova.
  • Il francese  Lancelot Voisin de La Popelinière  , scrive:  [56]  "La plupart des princes chrétiens, le nostre sur surus, l'Anglais, le Portugais, l'Espagnol mémes, n'avaient daigné préster sculement l'ouíe a l'ouverture que l'ltalien leur faisait. "
  • Lo spagnolo Julián del Castillo, scrive: "Cristoforo Colombo, un italiano, era originario di Cogurio (Cogoleto) o Nervi, paese vicino alla famosa città di Genova."
  • Il tedesco Michael Neander , scrive: "Christophoro Colombo Genuensi".
  • Lo spagnolo Gonzalo Argote de Molina identificò chiaramente  Albissola Marina  come il luogo di nascita di Colombo.
  • Fra Juan de la Victoria, autore del XVI secolo, scrisse un Catálogo de los Reyes godos de España estratto da Fernández Duro nel suo Colón y La Historia Postuma ; dice il frate: "Nell'anno 1488, l'italiano Cristoforo Colombo, originario di Cugureo (Cogoleto) o Nervi, villaggio di Genova, marinaio".
  • Lo spagnolo Juan de Castellanos , poeta e cronista, scrive che Colombo nacque a Nervi
  • Lo spagnolo Juan de Mariana , scrive:  "Cristoforo Colombo, genovese di nazione".
  • Il portoghese Pedro de Mariz, storico e bibliotecario, afferma che Colombo era genovese.

Studiosi di tutto il mondo sono d'accordo sul fatto che Colombo fosse genovese. Samuel Eliot Morison , nel suo libro Cristoforo Colombo: Ammiraglio del Mare Oceano , nota che molti documenti legali esistenti dimostrano l'origine genovese di Colombo. Sul tema della nascita di Colombo da qualche parte oltre Genova, Morison afferma: "Ogni contemporaneo spagnolo o portoghese che ha scritto di Colombo e delle sue scoperte lo chiama genovese. Quattro cronisti genovesi contemporanei lo rivendicano come un connazionale. Tutte le prime mappe su cui è registrata la sua nazionalità lo descrivono come genovesi o Ligur , un cittadino della Repubblica ligure. Felipe Fernández-Armesto scrive: “Il catalano, il francese, il galiziano, il greco , l'ibizenco, l'ebreo, il maiorchino, il polacco , lo scozzese e altre sempre più stupide colombe inventate da fantasisti storici sono creazioni guidate dall'agenda, solitamente ispirate dal desiderio di arrogare un presunto o confesso eroe alla causa di una nazione o una comunità storica particolare o, il più delle volte, ad un gruppo di immigrati che si sforza di stabilire un posto speciale di stima negli Stati Uniti. L'evidenza delle origini di Colombo a Genova è travolgente: quasi nessun'altra figura della sua classe o designazione ha lasciato una traccia cartacea così chiara negli archivi.
Paolo Emilio Taviani , nel suo libro Cristoforo Colombo: Genius of the Sea discute "degli atti notarili - copie originali di cui sono conservati negli archivi di Genova e Consuelo Varela Bueno, "la principale autorità spagnola in materia di testi, documenti e calligrafia di Colombo". Dedica diverse pagine alla questione della terra natale di Colombo, e conclude che "tutti i cronisti di quel periodo scrissero che era originario della Liguria nel nord Italia".  Le prove a sostegno dell'origine genovese di Colombo sono anche discusse da Miles H. Davidson. Nel suo libro Columbus Then and Now: A Life Reexamined , scrive: Diego Méndez, uno dei suoi capitani, nella testimonianza dei "Pleitos", disse che Colombo era "genovese, originario di Savona, che è una città vicino a Genova".  Qual è la ragione dietro a tante speculazioni futili? Può essere attribuito principalmente al campanilismo. Ciascuna delle nazioni e delle città menzionate vuole rivendicarlo per conto suo.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------

Ci limitiamo a rilevare, a dispetto delle tante testimonianze, che essere cittadino genovese non significa essere nato a Genova. E’ stato detto che i documenti notarli genovesi si sono rivelati molto spesso un falso. Personalmente abbiamo il sospetto che a volte si sia equivocato fra Saona e Maona. Quest’ ultima riconduce all’ isola di Chio nell’ arcipelago greco, ma possedimento come molti altri della Superba. Per cui allo stato delle indagini propendiamo per un origine di Cristoforo Colombo greco-genovese.

Ruggero Marino firma

Author Bio
Ruggero Marino
Author: Ruggero MarinoWebsite: http://www.ruggeromarino-cristoforocolombo.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chi sono:
Ruggero Marino è giornalista e scrittore. Ha lavorato per 34 anni al quotidiano Il Tempo di Roma, ricoprendo le cariche di inviato speciale (visitando più di 50 paesi), di redattore capo e di responsabile del settore cultura. Ha scritto due libri di poesie, Minime e massime e L’inferno in paradiso (Premio Indic). Ha vinto oltre 10 premi giornalistici, fra i quali quello dell’Associazione Stampa Romana. Con il suo primo volume sull’Ammiraglio, Cristoforo Colombo e il papa tradito, ha vinto il Premio Scanno. Delle sue ricerche, che proseguono dal 1990, e che per la prima volta coinvolgono la Chiesa di Roma nella vicenda, si sono occupati storici, scrittori e media in Italia e all’estero (il Times gli ha dedicato due pagine). I suoi studi sono stati citati all’Accademia dei Lincei. Ha esposto le proprie tesi in numerosissime conferenze, anche in università italiane e straniere. È stato invitato a New York dall’Istituto italiano di cultura e fa parte della Commissione scientifica per le annuali celebrazioni del 12 ottobre in onore di Colombo. Per approfondimenti è possibile consultare Wikipedia al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Marino
Ultimi articoli pubblicati:

Web Analytics