CURIOSITÀ

ANCHE LA PIETRA SACRA DELLA GIADA UNISCE LA CINA ALLE AMERICHE

 

abito con fili oro cina   abito funerario   abito cina giada

 

faccia maya   gaiada maya   Palenque Maske des Pakal  MAYA maschere  Mascara funeraria mixteca Monte Alban Museo de Oaxaca

 

drago Azteco   Bi with two dragons and grain pattern   dinastis

 

lettera C goticaontinuando nella ricerca degli indizi comuni fra le due sponde dello sconfinato Pacifico c’è un altro elemento che unisce quelle popolazioni lontane, ma vicine attraverso scambi sviluppatisi fin da tempi molto antichi. Un elemento connesso in particolare alle credenze e ai costumi mortuari. E’ la giada. Pietra sacra, che dona in qualche modo l’immortalità e preserva dalla decomposizione dei corpi. Particolarmente impiegata nelle usanze funebri sia nei paesi asiatici ed in particolare in Cina sia nelle terre Maya, in Messico e in Perù. Come è dimostrato in questa serie di foto con i vestiti di giada in alto intessuti a volte di fili d’oro per i cadaveri degli imperatori cinesi e sotto con le maschere, le sculture e gli oggetti rinvenuti nelle tombe dei paesi latinoamericani. A completare il tutto ritorniamo sulla figura del drago serpente con tre dischi, uno di provenienza mesoamericana e gli altri due in giada rinvenuti in Cina. Le “coincidenze” si moltiplicano, mentre il dubbio di contatti anche prima di Cristo sconfina sempre di più nella certezza. Senza nulla togliere al primato di chi ha cambiato la storia del mondo: Cristoforo Colombo.

Ruggero Marino firma

Author Bio
Ruggero Marino
Author: Ruggero MarinoWebsite: http://www.ruggeromarino-cristoforocolombo.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chi sono:
Ruggero Marino è giornalista e scrittore. Ha lavorato per 34 anni al quotidiano Il Tempo di Roma, ricoprendo le cariche di inviato speciale (visitando più di 50 paesi), di redattore capo e di responsabile del settore cultura. Ha scritto due libri di poesie, Minime e massime e L’inferno in paradiso (Premio Indic). Ha vinto oltre 10 premi giornalistici, fra i quali quello dell’Associazione Stampa Romana. Con il suo primo volume sull’Ammiraglio, Cristoforo Colombo e il papa tradito, ha vinto il Premio Scanno. Delle sue ricerche, che proseguono dal 1990, e che per la prima volta coinvolgono la Chiesa di Roma nella vicenda, si sono occupati storici, scrittori e media in Italia e all’estero (il Times gli ha dedicato due pagine). I suoi studi sono stati citati all’Accademia dei Lincei. Ha esposto le proprie tesi in numerosissime conferenze, anche in università italiane e straniere. È stato invitato a New York dall’Istituto italiano di cultura e fa parte della Commissione scientifica per le annuali celebrazioni del 12 ottobre in onore di Colombo. Per approfondimenti è possibile consultare Wikipedia al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Marino
Ultimi articoli pubblicati:

Web Analytics