CURIOSITÀ

RIAFFIORA IN VATICANO LA BELLEZZA DEL CORTILE DEL PAPPAGALLO

Palazzo di Diocleziano Spalato        Cortile del Pappagallo 1         Cortile del Pappagallo 2

 

Il Cortile del Pappagallo è un luogo davvero magico. Seguiva alla loggia della Benedizione il Palazzo pontificio che da questo lato aveva il suo ingresso principale. Varcatane la soglia, si entrava nella lunga corte “ubi cardinales descendere solent” fiancheggiata, a sinistra, dalla Curia di Innocenzo VIII che la
separava dall’atrio della basilica. Un secondo cortile era quello chiamato “del Maresciallo”. Nell’ala di portico rimasta si scorgono le armi di Paolo lI. Qui era l’ingresso alla parte più intima dell’abitazione pontificia. Oggi ancora è “in situ” la porta con l’arme di Pio II tenuta da due putti, cui lavorò Antonio di Giovanni da Milano. Dopo questa porta, si trova il Cortile del Pappagallo.
La storia del restauro, raccontata da Marina Tomarro ai microfoni della Radio vaticana, inzia con un ritrovamento casuale partito dalla scoperta di una traccia di pittura azzurra all’altezza di venti metri su una delle mura del Palazzo Apostolico in Vaticano. Nasce da lì lo studio e il rilevamento pittorico del Cortile del Pappagallo.
Maria Mari, curatrice del volume “Cortile del Pappagallo – Hortus Conclusus”, edito dalla Libreria Editrice Vaticana, ha spiegato che “questo lavoro in realtà non è nato dallo studio della residenza pontificia, non è partito quindi da uno studio storico. In realtà, la sorpresa è stata questa: quel giorno, volgendo lo sguardo su un prospetto molto alto – venti metri – siamo rimasti impressionati da quel frammento azzurro, perché ci ha ricordato l’azzurro del Giudizio Universale. È da lì che è nata la ricerca storica di capire, in un cortile su fronti esterni, la necessità di dipingere, forse, di nuovo del verde all’interno di un verde vero, naturale, come quello, appunto, del Giardino del Belvedere, delle erbe medicinali, delle vigne papali. Quindi è stato un viaggio affascinante che ci ha portato a questa cinta chiusa, dove abbiamo immaginato Pio IV che, chiuso il quarto lato, godeva di questa bellezza”.
Proprio lo studio di questa figurazione pittorica, voluta da Papa Pio IV,  ha svelato le meraviglie dei suoi affreschi, ormai in parte completamente rovinati, che raffigurano un hortus conclusus, popolato da fiori colorati, piante rare ed animali esotici a ricordare, nella sua bellezza, il paradiso terrestre. “C’è un velo di magia, di mistero, perché noi – ha osservato l’architetto Mari, vediamo la cinta muraria, i tralci della vite, i vasi; non vediamo l’uomo: l’uomo è al centro di questo cortile?
Questo non si sa, perché negli apparati decorativi delle facciate grafite di solito erano rappresentati anche dalla parte umana. In questo cortile – ha concluso la curatrice – questo non si trova. Noi non lo abbiamo trovato e lo stiamo cercando”.

 

Author Bio
Ruggero Marino
Author: Ruggero MarinoWebsite: http://www.ruggeromarino-cristoforocolombo.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chi sono:
Ruggero Marino è giornalista e scrittore. Ha lavorato per 34 anni al quotidiano Il Tempo di Roma, ricoprendo le cariche di inviato speciale (visitando più di 50 paesi), di redattore capo e di responsabile del settore cultura. Ha scritto due libri di poesie, Minime e massime e L’inferno in paradiso (Premio Indic). Ha vinto oltre 10 premi giornalistici, fra i quali quello dell’Associazione Stampa Romana. Con il suo primo volume sull’Ammiraglio, Cristoforo Colombo e il papa tradito, ha vinto il Premio Scanno. Delle sue ricerche, che proseguono dal 1990, e che per la prima volta coinvolgono la Chiesa di Roma nella vicenda, si sono occupati storici, scrittori e media in Italia e all’estero (il Times gli ha dedicato due pagine). I suoi studi sono stati citati all’Accademia dei Lincei. Ha esposto le proprie tesi in numerosissime conferenze, anche in università italiane e straniere. È stato invitato a New York dall’Istituto italiano di cultura e fa parte della Commissione scientifica per le annuali celebrazioni del 12 ottobre in onore di Colombo. Per approfondimenti è possibile consultare Wikipedia al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Marino
Ultimi articoli pubblicati:

Web Analytics