NOTIZIE

L’IGNORANZA DI CHÁVEZ HA ISPIRATO L’IGNORANZA DELLA KIRCHNER

Cristobal Colon statua Argentina 7         Hugo Chavez

Cristobal Colon statua Argentina 6

Sembra che l’ispiratore del trasferimento della statua di Cristoforo Colombo a Buenos Aires sia stato lo scomparso Hugo Chávez, caudillo venezuelano ubriaco di slogan di sinistra, il quale, dall’alto della sua abissale ignoranza e ignorando la minima contestualizzazione storica, durante una visita alla Casa Rosada in Argentina, guardando dal terrazzo, avrebbe detto alla Kirchner: “Cómo tienes ahí la estatua de un genocida?”. La Presidenta avrebbe quindi deciso di sostituire il monumento del “genocida” con uno nuovo in onore dell’eroina boliviana Juana Azurduy, simbolo dell’indipendenza dalla Spagna. Non si accettava insomma che la nazione fosse rappresentata, proprio dietro il palazzo presidenziale e in bella vista, dal colonizzatore per eccellenza, colui che, con la sua “scoperta”, avrebbe, secondo una leggenda nera, determinato le stragi delle popolazioni native. Eppure Colombo parlava in maniera ammirata degli “indios” e aggiungeva che si sarebbero convertiti “per amor”. Fu accusato dagli spagnoli addirittura di non volerli battezzare. Unicamente perché voleva che ne fossero convinti. Per salvare la statua di Colombo si sono mosse moltissime persone e si sono creati comitati. Niente da fare, la statua se n’è andata tristemente e ingiustamente e ad ora restano un cumolo di macerie. Le macerie della storia vera del navigatore.

Ruggero Marino firma

VIDEO: http://www.ruggeromarino-cristoforocolombo.com/video/l-ingiustizia-colpisce-ancora-colombo-che-due-papi-volevano-santo.html

 

Author Bio
Ruggero Marino
Author: Ruggero MarinoWebsite: http://www.ruggeromarino-cristoforocolombo.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chi sono:
Ruggero Marino è giornalista e scrittore. Ha lavorato per 34 anni al quotidiano Il Tempo di Roma, ricoprendo le cariche di inviato speciale (visitando più di 50 paesi), di redattore capo e di responsabile del settore cultura. Ha scritto due libri di poesie, Minime e massime e L’inferno in paradiso (Premio Indic). Ha vinto oltre 10 premi giornalistici, fra i quali quello dell’Associazione Stampa Romana. Con il suo primo volume sull’Ammiraglio, Cristoforo Colombo e il papa tradito, ha vinto il Premio Scanno. Delle sue ricerche, che proseguono dal 1990, e che per la prima volta coinvolgono la Chiesa di Roma nella vicenda, si sono occupati storici, scrittori e media in Italia e all’estero (il Times gli ha dedicato due pagine). I suoi studi sono stati citati all’Accademia dei Lincei. Ha esposto le proprie tesi in numerosissime conferenze, anche in università italiane e straniere. È stato invitato a New York dall’Istituto italiano di cultura e fa parte della Commissione scientifica per le annuali celebrazioni del 12 ottobre in onore di Colombo. Per approfondimenti è possibile consultare Wikipedia al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Marino
Ultimi articoli pubblicati:

Web Analytics