CRISTOFORO COLOMBO

COLOMBO AVEVA RAGIONE: I CANNIBALI C’ERANO

cannibali America Colombo      Colombo nero

 

ROMA – I predoni “Carib” avrebbero invaso i Caraibi del nord nell’800 d.C., centinaia di anni prima, dunque, di quanto si pensasse. Secondo un nuovo studio del Florida Museum of Natural History, ciò aggiungerebbe credibilità a quanto affermato da Cristoforo Colombo, secondo cui quando arrivò nel 1492, i “predoni cannibali” vivevano già sulle isole. Per anni gli archelogi hanno contestato quanto dichiarato da Colombo, ritenevano che non ci fossero prove che la comunità Carib si fosse mai avventurata più a nord della Guadalupa. Gli esperti del Florida Museum of Natural History hanno esaminato i teschi dei primi abitanti dei Caraibi e tra loro hanno scoperto che alcuni appartenevano ai Carib, dimostrando che Colombo aveva ragione.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Altro che mito o leggenda: Cristoforo Colombo avrebbe incontrato davvero i cannibali ai Caraibi. Al suo arrivo, infatti, il temibile popolo dei Caribe (originario del Sud America e noto per i suoi razziatori amanti della carne umana) si era gia' stabilito alle Bahamas, mentre finora si era ipotizzato che si fosse fermato a Guadalupa. A indicarlo e' uno studio condotto su oltre 100 antichi teschi analizzati con un software simile a quelli di riconoscimento facciale per stabilire la relazione genetica tra gli individui. I risultati sono pubblicati sulla rivista Scientific Reports da un gruppo di ricercatori statunitensi coordinati dalla North Carolina State University. I teschi, risalenti al periodo che va dall'800 al 1.542 dopo Cristo, sono stati esaminati valutando parametri precisi come la grandezza dell'orbita oculare e la lunghezza del naso. I numeri ottenuti dall'analisi 3D mostrano tre ondate migratorie. I primi abitanti dei Caraibi, originari dello Yucatan, sarebbero arrivati passando per Cuba e le Antille settentrionali. Il popolo degli Aruachi migrarono dalla Colombia e dal Venezuela verso Porto Rico tra l'800 e il 200 avanti Cristo. I primi abitanti delle Bahamas e di Hispaniola, a differenza di quanto ipotizzato finora, non venivano da Cuba ma dal nord-ovest dell'Amazzonia: erano i Caribe, che intorno all'800 d.C. si sarebbero spostati verso nord arrivando fino alle Bahamas, dove si stabilirono ben prima dell'arrivo di Colombo.

ANSA

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Qualche verità viene faticosamente a galla. In un tempo in cui la schiavitù era la norma, in cui non esistevano leggi in proposito, in cui persino i cardinali della Chiesa avevano più “famigli” che schiavi, comunque provenienti dalla tratta della schiavitù, Cristoforo Colombo mandò come schiavi in Spagna solo i cannibali, che lo affrontavano sempre con ostilità e che catturavano i miti tainos per farne dei capponi castrandoli, per poi nutrirsene. Una pratica “immonda” per la Cristianità, che portava molti, in seguito ai nostri per fortuna differenti costumi, a ritenerli privi di anima, equiparandoli a bestie o animali. Di qui in parte certe forme di crudeltà inaudite.

Ruggero Marino firma

 

Author Bio
Ruggero Marino
Author: Ruggero MarinoWebsite: http://www.ruggeromarino-cristoforocolombo.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chi sono:
Ruggero Marino è giornalista e scrittore. Ha lavorato per 34 anni al quotidiano Il Tempo di Roma, ricoprendo le cariche di inviato speciale (visitando più di 50 paesi), di redattore capo e di responsabile del settore cultura. Ha scritto due libri di poesie, Minime e massime e L’inferno in paradiso (Premio Indic). Ha vinto oltre 10 premi giornalistici, fra i quali quello dell’Associazione Stampa Romana. Con il suo primo volume sull’Ammiraglio, Cristoforo Colombo e il papa tradito, ha vinto il Premio Scanno. Delle sue ricerche, che proseguono dal 1990, e che per la prima volta coinvolgono la Chiesa di Roma nella vicenda, si sono occupati storici, scrittori e media in Italia e all’estero (il Times gli ha dedicato due pagine). I suoi studi sono stati citati all’Accademia dei Lincei. Ha esposto le proprie tesi in numerosissime conferenze, anche in università italiane e straniere. È stato invitato a New York dall’Istituto italiano di cultura e fa parte della Commissione scientifica per le annuali celebrazioni del 12 ottobre in onore di Colombo. Per approfondimenti è possibile consultare Wikipedia al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Marino
Ultimi articoli pubblicati:

Web Analytics