RICOSTRUITA LA FLOTTA CINESE DI ZHENG HE

Durante la prima dinastia Ming (1368-1644), la flotta di Zheng He si è recata in decine di Paesi e regioni dell'Asia e dell'Africa, diversi decenni prima che Cristoforo Colombo mettesse piede in America.    Il progetto per onorare le conquiste di Zheng ha avuto inizio nel 2012, ma l'artigiano di 55 anni, appassionato dai modellini dall'età di 13 anni, non aveva ancora idea di quanto sarebbe stato difficile il suo lavoro. Poiché i disegni per la progettazione e la costruzione della flotta sono ormai persi da lungo tempo. Fu ha dovuto attraversare il Paese per visitare esperti di velieri antichi e di siti per la costruzione della flotta di Zheng per lavorare sul suo progetto. Dopo tre anni e un investimento di oltre 10 milioni di yuan (circa 1,54 milioni di dollari), Fu e il suo team di oltre 70 membri sono finalmente riusciti a produrre una replica della flotta di Zheng He su una scala di uno a 50. La flotta consiste di 208 modellini che comprendono la nave ammiraglia di Zheng, 61 "Navi del Tesoro" e altre navi con varie funzioni. Per esibire tutti i modelli è necessaria un'area espositiva di oltre 5.000 metri quadrati. Fu, tuttavia, non è soddisfatto di quello che è riuscito a fare ed è determinato a porsi una sfida ancora più grande: realizzare una serie di modelli in scala da uno a 100. "Voglio creare modelli che presentano reperti culturali e usarli per riprodurre la squisita abilità di costruzione navale della Cina di oltre 600 anni fa", afferma. Fu ha dedicato diversi anni ad affinare la sua arte, visitando province costiere come Fujian e Guangdong per acquisire competenze nella costruzione navale. "La più piccola puleggia usata sui miei modellini è lunga solo 2 millimetri e c'è anche un cuscinetto lungo 0,5 millimetri tra le pulegge", dice. "Ho dovuto fare più di 100 pulegge per un modellino e a volte ho anche usato la lente d'ingrandimento per farlo".  Al fine di creare i suoi modellini, Fu ha adottato una serie di tecniche di costruzione dell'antica Cina, come per le giunzioni a mortasa e tenone. "Voglio usare i miei modelli di navi come mezzo per mostrare il patrimonio culturale immateriale della Cina", sostiene. Nel 2019, un museo tedesco ha aggiunto alla sua collezione uno dei modelli delle "Navi del Tesoro" di Fu.  "Sono molto contento che il mio lavoro sia stato riconosciuto", afferma, aggiungendo che ci vorranno dai tre ai cinque anni per finire la sua nuova serie di modelli.  "Spero in futuro di esporre i miei modelli nei Paesi lungo la Belt and Road, in modo da far conoscere a più persone la cultura marittima cinese", dice Fu. (ANSA-XINHUA).

Zheng He navigatore cinese

Biografia dell'autore
Ruggero Marino
Author: Ruggero MarinoWebsite: https://www.ruggeromarino-cristoforocolombo.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chi sono:
Ruggero Marino è giornalista e scrittore. Ha lavorato per 34 anni al quotidiano Il Tempo di Roma, ricoprendo le cariche di inviato speciale (visitando più di 50 paesi), di redattore capo e di responsabile del settore cultura. Ha scritto due libri di poesie, Minime e massime e L’inferno in paradiso (Premio Indic). Ha vinto oltre 10 premi giornalistici, fra i quali quello dell’Associazione Stampa Romana. Con il suo primo volume sull’Ammiraglio, Cristoforo Colombo e il papa tradito, ha vinto il Premio Scanno. Delle sue ricerche, che proseguono dal 1990, e che per la prima volta coinvolgono la Chiesa di Roma nella vicenda, si sono occupati storici, scrittori e media in Italia e all’estero (il Times gli ha dedicato due pagine). I suoi studi sono stati citati all’Accademia dei Lincei. Ha esposto le proprie tesi in numerosissime conferenze, anche in università italiane e straniere. È stato invitato a New York dall’Istituto italiano di cultura e fa parte della Commissione scientifica per le annuali celebrazioni del 12 ottobre in onore di Colombo. Per approfondimenti è possibile consultare Wikipedia al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Marino
Ultimi articoli pubblicati:

Web Analytics