ORA ANCHE I CANI “BATTONO” COLOMBO

Pur di fare notizia ora anche i cani hanno “battuto” Colombo. Naturalmente sempre dall’ Occidente. Nell’ altro senso le notizie latitano o non vengono prese in considerazione. Come se l’ Oriente, dalle civiltà spesso più avanzate delle nostre, non esistesse. Non ci stancheremo di ripeterlo. Per certe cerchie e la Chiesa in particolare, che ne occultava l’ esistenza fin da alcuni testi considerati un dogma la presenza del continente “otro” era un segreto di Pulcinella. Che non restò tale solo grazie al viaggio di Cristoforo Colombo.

Ruggero Marino firma

decorazione

Gli Europei potrebbero aver messo piede in America migliaia di anni prima, insieme ai loro cani. Lo rivela un antico osso ritrovato in Alaska, risalente a 10mila anni fa. Secondo il piccolo frammento, all’epoca alcuni esseri umani sarebbero migrati in Nord America coi loro cani al seguito. Che siano i migliori amici dell’uomo da millenni, lo si sapeva già, ma ora un nuovo studio condotto dall’Università di Buffalo ha fatto un’altra sensazionale scoperta. Un piccolo frammento osseo risalente trovato lungo la costa dell’Alaska potrebbe essere la più antica testimonianza della presenza di cani domestici nel Nord America. Secondo i ricercatori,  potrebbe essere anche la prova del percorso intrapreso dal primo gruppo di persone che ha attraversato l’Eurasia verso il Nord America. Il team guidato da Charlotte Lindqvist, professoressa associata di scienze biologiche dell’Università di Buffalo, non aveva deciso di studiare i cani. Gli scienziati si sono imbattuti nel frammento del femore durante il sequenziamento del DNA da una raccolta di centinaia di ossa scavate anni prima nel sud-est dell’Alaska da ricercatori tra cui Timothy Heaton, professore di scienze della terra presso l’Università del South Dakota. “Il sud-est dell’Alaska potrebbe essere servito come una sorta di punto di sosta senza ghiaccio, e ora, con il nostro cane, pensiamo che la migrazione umana precoce attraverso la regione potrebbe essere stata molto più importante di quanto si immaginasse”. Inizialmente si pensava che il frammento appartenesse a un orso ma dopo l’analisi del DNA mitocondriale gli scienziati hanno concluso che si trattava di un cane. Così hanno confrontato il genoma mitocondriale con quello di altri cani antichi e moderni. L’analisi ha mostrato che l’animale condivideva un antenato comune circa 16.000 anni fa con i cani americani vissuti prima dell’arrivo dei colonizzatori europei In altre parole, il DNA apparteneva a una stirpe la cui storia evolutiva divergeva da quella dei cani siberiani già 16.700 anni fa.  Il frammento osseo, trovato nel sud-est dell’Alaska, infatti apparteneva a un cane vissuto esattamente 10.150 anni fa. Arrivato probabilmente attraverso una rotta costiera che includeva il sud-est dell’Alaska. “Poiché i cani sono un proxy per l’occupazione umana, i nostri dati aiutano a fornire non solo un tempo, ma anche un luogo per l’ingresso di cani e persone nelle Americhe” ha detto Charlotte Lindqvist, professoressa associata di scienze biologiche dell’Università di Buffalo. “Secondo Lindqvist, i cani non sono arrivati ​​tutti in una volta nelle Americhe. Ad esempio, alcuni cani artici arrivarono più tardi dall’Asia orientale con la cultura Thule. Altri furono portati nelle Americhe dai colonizzatori europei. “Il nostro cane del sud-est dell’Alaska supporta l’ipotesi che il primo cane e la migrazione umana siano avvenuti attraverso la rotta costiera del Pacifico nord-occidentale non dal corridoio continentale centrale, che si ritiene sia diventato praticabile solo circa 13.000 anni fa”, osserva Coelho.

osso cane America scienziato           osso cane America dettaglio mappa ritrovamento Alaska           osso cane America detaglio

Biografia dell'autore
Ruggero Marino
Author: Ruggero MarinoWebsite: https://www.ruggeromarino-cristoforocolombo.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chi sono:
Ruggero Marino è giornalista e scrittore. Ha lavorato per 34 anni al quotidiano Il Tempo di Roma, ricoprendo le cariche di inviato speciale (visitando più di 50 paesi), di redattore capo e di responsabile del settore cultura. Ha scritto due libri di poesie, Minime e massime e L’inferno in paradiso (Premio Indic). Ha vinto oltre 10 premi giornalistici, fra i quali quello dell’Associazione Stampa Romana. Con il suo primo volume sull’Ammiraglio, Cristoforo Colombo e il papa tradito, ha vinto il Premio Scanno. Delle sue ricerche, che proseguono dal 1990, e che per la prima volta coinvolgono la Chiesa di Roma nella vicenda, si sono occupati storici, scrittori e media in Italia e all’estero (il Times gli ha dedicato due pagine). I suoi studi sono stati citati all’Accademia dei Lincei. Ha esposto le proprie tesi in numerosissime conferenze, anche in università italiane e straniere. È stato invitato a New York dall’Istituto italiano di cultura e fa parte della Commissione scientifica per le annuali celebrazioni del 12 ottobre in onore di Colombo. Per approfondimenti è possibile consultare Wikipedia al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Marino
Ultimi articoli pubblicati:

Web Analytics