LA VILLA MASSONI E LA RINCHIOSTRA DI MASSA

La principessa Maria Teresa Pamphili Cybo madre del cardinale Camillo Patriarca di Costantinopoli e proprietaria del palazzo di piazza Navona oggi ambasciata del Brasile fu la committente a Massa della Rinchiostra e di villa Massoni in origine della Rocca. L'edificio, nato come casino di caccia, venne trasformato in villa per volere di Teresa Pamphili, moglie di Carlo II Cybo-Malaspina. Alderano I, figlio di Teresa Pamphili, trasformò la villa in una sontuosa dimora e impreziosì il giardino ornandolo con vialetti geometrici, vasi, statue e busti marmorei.

Dopo una serie di passaggi di proprietà, il possedimento fu ceduto, nel 1857, a Carlo Lodovico di Borbone, il quale rese splendore alla Rinchiostra ripristinando la villa e facendo risorgere il parco con interventi ispirati al giardino romantico ottocentesco. Nel 1903 la Rinchiostra pervenne alla famiglia Robson. Dopo i Robson nessun'altra famiglia ha abitato la villa dei Cybo. Per alcuni anni, fino al 2004, la villa, che dal 1997 appartiene al Comune di Massa, è stata sede della biblioteca comunale. Si racconta che nel parco di Villa Massoni, che oggi si estende per quasi otto ettari confondendosi con i boschi appena fuori il centro storico di Massa e a poca distanza dal castello dei Malaspina, si trovassero statue straordinarie. Barocche neoclassiche, ma anche più antiche e preziose. Erano il vanto dei Cybo-Malaspina, nel Settecento i signori di Massa. Non le avrebbero donate per nessun motivo se non avessero avuto la certezza e il terrore che quei tesori sarebbero finiti in Russia per uno di quei «trafugamenti a scopo politico» che al tempo venivano sublimati con improbabili donazioni. E così decisero di portarle «in salvo» a Roma e ancora oggi si possono in parte ammirare nel giardini del Quirinale e nella residenza papale di Castel Gandolfo. La storia di Villa Massoni inizia due secoli prima, tra la fine del ‘500 e l’inizio del ‘600, fu amatissima dalla sorella di Napoleone, Elisa, e persino dalla moglie del poeta e saggista e sostenitore del fascismo Ezra Pound.

Villa Massa rinchiostrata           Villa Massa rinchiostrata           Villa Massa

Biografia dell'autore
Ruggero Marino
Author: Ruggero MarinoWebsite: http://www.ruggeromarino-cristoforocolombo.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chi sono:
Ruggero Marino è giornalista e scrittore. Ha lavorato per 34 anni al quotidiano Il Tempo di Roma, ricoprendo le cariche di inviato speciale (visitando più di 50 paesi), di redattore capo e di responsabile del settore cultura. Ha scritto due libri di poesie, Minime e massime e L’inferno in paradiso (Premio Indic). Ha vinto oltre 10 premi giornalistici, fra i quali quello dell’Associazione Stampa Romana. Con il suo primo volume sull’Ammiraglio, Cristoforo Colombo e il papa tradito, ha vinto il Premio Scanno. Delle sue ricerche, che proseguono dal 1990, e che per la prima volta coinvolgono la Chiesa di Roma nella vicenda, si sono occupati storici, scrittori e media in Italia e all’estero (il Times gli ha dedicato due pagine). I suoi studi sono stati citati all’Accademia dei Lincei. Ha esposto le proprie tesi in numerosissime conferenze, anche in università italiane e straniere. È stato invitato a New York dall’Istituto italiano di cultura e fa parte della Commissione scientifica per le annuali celebrazioni del 12 ottobre in onore di Colombo. Per approfondimenti è possibile consultare Wikipedia al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Marino
Ultimi articoli pubblicati:

Web Analytics