IL GIOCO DELL’OCA DEL PARLAMENTO INCAPACE

Il gioco dell’oca è finito. Dopo le giravolte siamo tornati al punto di partenza. Si cercano vincitori e sconfitti. Gli unici vincitori sono quelli che rimarranno attaccati alla greppia e che temevano di dover rinunciare al furto della pensione. L’unico sconfitto è il popolo italiano. Preso in giro per intere giornate. Deve essere un “patriota”, deve essere “super partes”, un nome “condiviso”. “Stanotte tenete accesi i telefonini”. Il tutto alla faccia delle faide interne nei partiti e delle faide fra partito e partito; agli interessi degli eletti, mai degli elettori. Nomi gettati al vento come le figurine. Per un risultato che si conosceva da tempo, nonostante la pantomima del padre della patria, che faceva gli scatoloni e affittava appartamenti. Che diceva di no per tornare a grande richiesta col sorrisino mellifluo. In un mistero per l’amore e gli applausi della Scala verso un Presidente della Repubblica, che davanti allo sfacelo del Consiglio Superiore della Magistratura non ha battuto praticamente ciglio. Che pareva rispettoso dell’ineleggibilità del capo dello stato, ma che si presta, fintamente rammaricato, al “rieccolo” con una capriola. In un Parlamento in cui la mentalità del Razzi-Crozza è quella ormai dominante. Con un Salvini che fa l’ingenuo trottolino ed un infido Letta che lo aspetta al varco per fargli quello che era stato fatto a lui: “Matteo stai sereno”. Poi lo sconquasso, la notte dei lunghi coltelli, la vergogna. Tremonti profetizza “sorci verdi”. Non bastavano i pipistrelli.

blog Mattarella Presidente della Repubblica 2022

Biografia dell'autore
Ruggero Marino
Author: Ruggero MarinoWebsite: http://www.ruggeromarino-cristoforocolombo.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chi sono:
Ruggero Marino è giornalista e scrittore. Ha lavorato per 34 anni al quotidiano Il Tempo di Roma, ricoprendo le cariche di inviato speciale (visitando più di 50 paesi), di redattore capo e di responsabile del settore cultura. Ha scritto due libri di poesie, Minime e massime e L’inferno in paradiso (Premio Indic). Ha vinto oltre 10 premi giornalistici, fra i quali quello dell’Associazione Stampa Romana. Con il suo primo volume sull’Ammiraglio, Cristoforo Colombo e il papa tradito, ha vinto il Premio Scanno. Delle sue ricerche, che proseguono dal 1990, e che per la prima volta coinvolgono la Chiesa di Roma nella vicenda, si sono occupati storici, scrittori e media in Italia e all’estero (il Times gli ha dedicato due pagine). I suoi studi sono stati citati all’Accademia dei Lincei. Ha esposto le proprie tesi in numerosissime conferenze, anche in università italiane e straniere. È stato invitato a New York dall’Istituto italiano di cultura e fa parte della Commissione scientifica per le annuali celebrazioni del 12 ottobre in onore di Colombo. Per approfondimenti è possibile consultare Wikipedia al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Marino
Ultimi articoli pubblicati:

Web Analytics