UN MONDO PIÙ ALTO DELLA TORRE EIFFEL PER RICORDARE COLOMBO

lettera AALFREDO BIURRUN - Raramente i grandi eventi commemorativi lasciano un'eredità che corrisponda a ciò che viene celebrato, ma nel 1892 è quasi successo . Il IV Centenario della scoperta dell'America ha avuto le solite manifestazioni in questo tipo di celebrazione: mostre storiche, inaugurazioni di monumenti, congressi..., ma poco si ricorda oltre le repliche della Niña, della Pinta e della Santa María, costruite dagli Stati Uniti e dalla Spagna, che hanno allestito alcune mostre navali. Tuttavia, il progetto di uno dei più prestigiosi architetti dell'epoca presentato per questo centenario, mai realizzato, sarebbe stato una pietra miliare con il superamento in altezza della Torre Eiffel e un'enorme eredità storica della commemorazione.
Strappare alla Francia il merito di aver costruito l'edificio più alto del mondo era ciò che intendeva l'architetto Alberto de Palacio , nella cui carriera si trovano opere come il primo ponte trasportatore del mondo (Puente de Vizcaya), la costruzione della Banca di Spagna, la stazione di Atocha o il Palacio de Cristal del Retiro a Madrid. L’occasione era fornita dalla ricorrenza del viaggio di Cristoforo Colombo . La sua idea di “monumento colossale in memoria di Cristoforo Colombo” consisteva in un globo di 200 metri di diametro installato su uno stand alto 100 metri . Una costruzione che avrebbe dovuto essere coronata da una riproduzione di una delle caravelle di Colombo con la quale sarebbe arrivato ad un'altezza superiore a quella della Torre Eiffel a Parigi.

----------------------------------------------------------------------------------------------------------

ALFREDO BIURRUN - Rara vez los grandes eventos conmemorativos dejan un legado a la altura de lo que se celebra, pero en 1892 estuvo a punto de suceder. El IV Centenario del descubrimiento de América contó con los actos habituales en este tipo de celebraciones: exposiciones históricas, inauguraciones de monumentos, congresos…, pero poco que se recuerde más allá de las replicas de la Niña, la Pinta UN MONDO PIÙ ALTO DELLA TORRE EIFFEL PER RICORDARE COLOMBO
y la Santa María, construidas por Estados Unidos y España, que protagonizaron algunas exhibiciones navales. Sin embargo, el proyecto de uno de los arquitectos más prestigiosos de la época presentado para este centenario, que no llegó a realizarse, habría supuesto un hito con tanta proyección como la Torre Eiffel y un enorme legado histórico de la conmemoración.
Arrebatar a Francia el mérito de haber levantado la construcción más alta del mundo era lo que pretendía el arquitecto Alberto de Palacio, en cuya trayectoria se encuentran obras como el primer puente transbordador del mundo (Puente de Vizcaya), el edificio del Banco de España, la estación de Atocha o el Palacio de Cristal del Retiro en Madrid, aprovechando la conmemoración del viaje de Cristóbal Colón. Su idea de “monumento colosal en memoria de Cristóbal Colón” era un globo terráqueo de 200 metros de diámetro instalado sobre un soporte de 100 metros de altura. Una construcción que habría de coronarse con una reproducción de una de las carabelas de Colón con la que habría alcanzado una altura superior a los 300 metros de la torre Eiffel.

Biografia dell'autore
Ruggero Marino
Author: Ruggero MarinoWebsite: http://www.ruggeromarino-cristoforocolombo.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chi sono:
Ruggero Marino è giornalista e scrittore. Ha lavorato per 34 anni al quotidiano Il Tempo di Roma, ricoprendo le cariche di inviato speciale (visitando più di 50 paesi), di redattore capo e di responsabile del settore cultura. Ha scritto due libri di poesie, Minime e massime e L’inferno in paradiso (Premio Indic). Ha vinto oltre 10 premi giornalistici, fra i quali quello dell’Associazione Stampa Romana. Con il suo primo volume sull’Ammiraglio, Cristoforo Colombo e il papa tradito, ha vinto il Premio Scanno. Delle sue ricerche, che proseguono dal 1990, e che per la prima volta coinvolgono la Chiesa di Roma nella vicenda, si sono occupati storici, scrittori e media in Italia e all’estero (il Times gli ha dedicato due pagine). I suoi studi sono stati citati all’Accademia dei Lincei. Ha esposto le proprie tesi in numerosissime conferenze, anche in università italiane e straniere. È stato invitato a New York dall’Istituto italiano di cultura e fa parte della Commissione scientifica per le annuali celebrazioni del 12 ottobre in onore di Colombo. Per approfondimenti è possibile consultare Wikipedia al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Marino
Ultimi articoli pubblicati:

Clicky