DAL MALI ANDARONO IN AMERICA PRIMA DI COLOMBO

Questa “scoperta”, che è qualcosa di più di una semplice teoria, era già stata abbondantemente esposta nei miei libri per cui, per quanto mi riguarda, non presenta nessuna novità. Lo ripeteremo all’infinito, chi è andato prima dall’Occidente alle estremità dell’Oriente non lo sapremo mai. Rimane un unico fatto incontrovertibile. Solo il viaggio di Colombo ha avuto un impatto rivoluzionario e definitivo per il progresso dell’umanità.

Ruggero Marino firma

decorazione

E’ considerato dagli storici uno dei più grandi enigmi della storia. Ci riferiamo all'audace spedizione nautica del mansa  Abubakari II diretto nelle Americhe 180 anni prima di Colombo. Ora due ricercatori dell'Università di Barcellona hanno pubblicato i risultati delle loro indagini. Il Mali faceva parte di un impero così grande e influente da apparire nell'Atlante catalano o Mapamundi Cresques, una cartografia che nel XIV secolo rappresentava il mondo noto agli europei. In basso, Mansa Musa appare sul suo trono, con una corona lo scettro e una moneta d'oro in mano.  Mansa  è una parola  Manding  che significa "re dei re" o "imperatore", il nome del re rappresentato è Kanku Musa, famoso per la quantità di oro che trasportava in un suo viaggio al Cairo. Infatti, nella legenda dell'atlante del 1375 si legge: “Quest'uomo nero si chiama Muza, signore dei neri di Guinea. Questo è il re più ricco e il signore più nobile di tutta questa regione, per l'abbondanza d'oro, che fertilizza la sua terra”. Da dove viene il suo oro? Forse dalle Americhe? Ed è un caso che a Musa sia succeduto sul trono Mansa Abubakari II , che sarebbe scomparso cercando di esplorare l'Oceano Atlantico . È una storia vera o pura mitologia? Xavier Puigserver Blasco ed Eric Garcia Moral hanno esposto la loro ricerca in un libro della Facoltà di Geografia e Storia dell'Università di Barcellona, intitolato Costruzione sociale e culturale del potere nelle Americhe . Oltre ai libri europei, hanno consultato fonti arabe e hanno concluso che il viaggio è stato fattoe. Inoltre, si sono sorpresi che gli accademici abbiano a malapena cercato di confutare studi precedenti. Fino ad ora si credeva che al di là di una manciata di canzoni che ricordano il viaggio, non ci fossero prove concrete della sua realizzazione. Ebbene, Puigserver e García hanno consultato l'opera dello studioso egiziano Al-Umari , del 1342, cioè tre decenni dopo il presunto viaggio transatlantico di Abubakari II. L'egiziano aveva incontrato al Cairo il figlio dell'emiro Hajib , Abu Hassan Ali, che aveva conosciuto personalmente Mansa Musa, successore del protagonista di questa vicenda. Hassan chiese all'imperatore come fosse diventato sultano e Kanku Musa rispose che “Il re che mi ha preceduto credeva che fosse possibile raggiungere il limite estremo del Mare Circostante. Così, ha equipaggiato duecento navi piene di uomini acqua e cibo sufficienti per diversi anni. Ordinò all'ammiraglio di non tornare, finché non avesse raggiunto la fine dell'oceano o quando le scorte e l'acqua fossero finite. Sono così partiti. Dopo molto tempo solo una nave tornò. Il capitano raccontò così le sue avventure. Disse: “Principe, abbiamo navigato a lungo, finché abbiamo visto in mezzo all'oceano come se un grande fiume stesse scorrendo violentemente. La mia nave era l'ultima; altri mi precedevano. Non appena si raggiungeva quel punto, si finiva immersi nel vortice per non riemergere. Ho navigato all'indietro per sfuggire alla corrente. Ma il Sultano non riusciva a credergli. Ordinò di equipaggiare mille navi per sé e per i suoi uomini e mille altre per l'acqua e il cibo. Mi ha concesso la reggenza durante la sua assenza e si è incamminato con i suoi uomini verso l'oceano, per non tornare mai né dare segni di vita " Quindi sembra che l'audace spedizione attraverso l'Oceano Atlantico abbia avuto luogo. Nel 1312, Abubakari II partì per l'ignoto e lasciò il suo fidato luogotenente, Kanku Musa, incaricato dell'amministrazione del suo impero. Né l'imperatore né le sue navi furono mai riviste. Sebbene ci siano pochissime opere su Abubakari II, tutti concordano nel sottolineare che si circondava di studiosi musulmani che condividevano le sue idee su un mondo oltre il mare. La domanda quindi è: hai raggiunto il suo obiettivo?   Sembra che lo sbarco sia avvenuto sulle coste del Messico il che potrebbe dare origine alla divinità del Quetzalcoatl . Come? Non era un dio bianco e barbuto? Nel 1976, lo storico, antropologo e linguista di origine guyanese, Ivan Van Sertima pubblicò un'opera controversa intitolata They Came Before Columbus: the African Presence in Ancient America. Van Sertima sosteneva la presenza di mercanti Mandinka nell'area del Messico . Assicurava che gli stessi Pochtec provenivano dal Mali e che il dio Ek Chuah era di ispirazione Mandinga. Sottolineava le somiglianze tra il culto dell'uomo coyote tra gli Amanteca e il culto dell'uomo iena tra i Bambar del Mali, così come i loro rituali. Il culto in Bambara era chiamato nama e il suo sacerdote nama-tigi o aman-tigi . In questo senso, parla di una moltitudine di oggetti i cui nomi avrebbero una provenienza nelle lingue Manding come maxtli , che in Nahuatl si riferirebbe a un capo di abbigliamento che copriva la nudità della vita e che verrebbe dal mandinka masiti , "ornamento" e Bambara masirili , "ornamento". Una riprova che sembra definitiva è stata avanzata dal norvegese Bjorn Roar Bye , in un congresso tenutosi a Oslo. Affermò che, dopo varie analisi effettuate sui metalli che facevano parte degli oggetti d'arte che Cristoforo Colombo riportò con sé in Spagna dopo la prima spedizione, dimostrava che l'oro, il ferro e il bronzo non provenivano dal sottosuolo americano, ma dal bacino minerario d'oro di Mandé.

Mansa Musa Emperor Of The Mali Empire Catalan chart 1375.jpg     Page of the Catalan atlas by Charles V of France 1338 1380 ca 1375 attributed to Abraham Cresques     Ek Chuah Maya God of Merchants and Patron of Cacao Pantheon

Biografia dell'autore
Ruggero Marino
Author: Ruggero MarinoWebsite: http://www.ruggeromarino-cristoforocolombo.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chi sono:
Ruggero Marino è giornalista e scrittore. Ha lavorato per 34 anni al quotidiano Il Tempo di Roma, ricoprendo le cariche di inviato speciale (visitando più di 50 paesi), di redattore capo e di responsabile del settore cultura. Ha scritto due libri di poesie, Minime e massime e L’inferno in paradiso (Premio Indic). Ha vinto oltre 10 premi giornalistici, fra i quali quello dell’Associazione Stampa Romana. Con il suo primo volume sull’Ammiraglio, Cristoforo Colombo e il papa tradito, ha vinto il Premio Scanno. Delle sue ricerche, che proseguono dal 1990, e che per la prima volta coinvolgono la Chiesa di Roma nella vicenda, si sono occupati storici, scrittori e media in Italia e all’estero (il Times gli ha dedicato due pagine). I suoi studi sono stati citati all’Accademia dei Lincei. Ha esposto le proprie tesi in numerosissime conferenze, anche in università italiane e straniere. È stato invitato a New York dall’Istituto italiano di cultura e fa parte della Commissione scientifica per le annuali celebrazioni del 12 ottobre in onore di Colombo. Per approfondimenti è possibile consultare Wikipedia al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Marino
Ultimi articoli pubblicati:

Web Analytics