LA GIOSTRA DELL’ITALIA ARLECCHINO PEZZENTE

Siamo nella stagione politica delle grandi piroette. Per non finire sott’acqua con il ministro della giustizia Conte, l’avvocato venuto dal nulla, si dimette. Ma fino all’ultimo tenta di ricucire. Telefonate nella notte con il cappello in mano. Non chiede soltanto, offre anche molto. E’ il ballo delle poltrone. Quelli che fino a ieri erano i reietti dell’era Berlusconi, con un colpo di bacchetta magica alla Silvan, si trasformano in “responsabili” in “costruttori”. Si potrebbe prospettare un Conte-ter, una sorta di governo Arlecchino tutto pezze, rattoppi e tanto schotch. Praticamente un pezzente servitore di tanti padroni. Quello che “con lui mai più” diventerebbe forse un cavallo di ritorno. E’ il Matteo ondivagante, fino a ieri carnefice, ora non si sa più come definirlo o come verrà definito. I più perseveranti a rinverdire un passato non certo esaltante sono i “grullini”. Dove la trovano più una vigna così? Dicono che sono onesti. A me pare che abbiano imparato alla Speedy Gonzales le arti del come assicurarsi il cadreghino. E l’opposizione? Il Mangiafuoco del Papeete (che errore madornale) ha perso un’ enormità, ma è ancora in testa: per cui chiede le urne. La pulzella Meloni in crescita esponenziale idem. Dovrebbe avere il tifo delle donne. Ma per lei il “me too” non vale. Il più saggio a questo punto appare, incredibile a dirsi, il cavaliere. Dal “ghe pensi mi” ai servizi sociali forse la cura, oltre a quella per i capelli, gli ha fatto bene. Ora parla di larghe intese, ammicca. Anche lui non lo fa per pura generosità, per puro amor di patria. Pensa di arruffianarsi la strada verso il Quirinale. Salvini, anche per toglierselo dai piedi, ne ha fatto il nome. Ma non è il solo. A questo punto il giro di giostra sarebbe perfetto.

blog giostra in fiamme

Biografia dell'autore
Ruggero Marino
Author: Ruggero MarinoWebsite: https://www.ruggeromarino-cristoforocolombo.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chi sono:
Ruggero Marino è giornalista e scrittore. Ha lavorato per 34 anni al quotidiano Il Tempo di Roma, ricoprendo le cariche di inviato speciale (visitando più di 50 paesi), di redattore capo e di responsabile del settore cultura. Ha scritto due libri di poesie, Minime e massime e L’inferno in paradiso (Premio Indic). Ha vinto oltre 10 premi giornalistici, fra i quali quello dell’Associazione Stampa Romana. Con il suo primo volume sull’Ammiraglio, Cristoforo Colombo e il papa tradito, ha vinto il Premio Scanno. Delle sue ricerche, che proseguono dal 1990, e che per la prima volta coinvolgono la Chiesa di Roma nella vicenda, si sono occupati storici, scrittori e media in Italia e all’estero (il Times gli ha dedicato due pagine). I suoi studi sono stati citati all’Accademia dei Lincei. Ha esposto le proprie tesi in numerosissime conferenze, anche in università italiane e straniere. È stato invitato a New York dall’Istituto italiano di cultura e fa parte della Commissione scientifica per le annuali celebrazioni del 12 ottobre in onore di Colombo. Per approfondimenti è possibile consultare Wikipedia al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Marino
Ultimi articoli pubblicati:

Web Analytics