UNA FOTO CHE SA DI NOSTALGIA E I MONDIALI PERDUTI

A volte una foto può valere più di tante parole e di tanti articoli. Come questi scatti ad Ascoli per un intervento sul tetto e le grondaie di una chiesa. Sono stati trovati e riportati a terra una serie di palloni di varie età. Evidentemente i ragazzi giocavano nella piazzetta. Tempi lontani dalle immagini sui telefonini. Il che spiega anche il decadimento del nostro calcio.

Mondiale in Qatar ciaone! Le analisi sono state fatte in tutti i sensi. A cominciare dalla abitudini completamente cambiate dei giovani. Contro la Macedonia la nazionale di Mancini ha fatto il suo. Non abbiamo più campioni, si punta sul collettivo. L’impegno, la superiorità nel controllo della partita non è mancato. Circa trenta tiri in porta noi, uno e la vittoria, grazie anche ad un Donnarumma dai riflessi appannati, loro. Non c’è stata partita, eppure siamo ancora fuori dai mondiali. Addio notti magiche. Ma si è trattato di un confronto stregato, sarebbe potuto durare un’altra ora, ma il risultato finale non sarebbe cambiato. La palla non sarebbe mai entrata in quella porta. La verità è che non abbiamo più giocatori in grado di superare l’uomo, per cui si finisce sempre per essere “murati”. Ci prova Berardi, lo sanno fare Chiesa e Spinazzola, ma erano fuori. Dove sono i Causio, i Bruno Conti? Figurine Panini ormai introvabili. Naturalmente si è gridato allo scandalo, si è invocato il cambiamento. Invertendo l’ordine dei fattori il risultato non cambierà. Mancini ha messo in piedi un organico allargato e intercambiabile che ha una buona tenuta e sprazzi di bel gioco. Di può non gli si può chiedere. E’ riuscito ad ottenere il massimo da quel minimo che il campionato gli offre. Merita di continuare.

Biografia dell'autore
Ruggero Marino
Author: Ruggero MarinoWebsite: http://www.ruggeromarino-cristoforocolombo.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chi sono:
Ruggero Marino è giornalista e scrittore. Ha lavorato per 34 anni al quotidiano Il Tempo di Roma, ricoprendo le cariche di inviato speciale (visitando più di 50 paesi), di redattore capo e di responsabile del settore cultura. Ha scritto due libri di poesie, Minime e massime e L’inferno in paradiso (Premio Indic). Ha vinto oltre 10 premi giornalistici, fra i quali quello dell’Associazione Stampa Romana. Con il suo primo volume sull’Ammiraglio, Cristoforo Colombo e il papa tradito, ha vinto il Premio Scanno. Delle sue ricerche, che proseguono dal 1990, e che per la prima volta coinvolgono la Chiesa di Roma nella vicenda, si sono occupati storici, scrittori e media in Italia e all’estero (il Times gli ha dedicato due pagine). I suoi studi sono stati citati all’Accademia dei Lincei. Ha esposto le proprie tesi in numerosissime conferenze, anche in università italiane e straniere. È stato invitato a New York dall’Istituto italiano di cultura e fa parte della Commissione scientifica per le annuali celebrazioni del 12 ottobre in onore di Colombo. Per approfondimenti è possibile consultare Wikipedia al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Ruggero_Marino
Ultimi articoli pubblicati:

Web Analytics